it at fr

Carte mute

In sede di romanistica, lo spoglio delle carte originali di un qualsiasi atlante linguistico si fa tramite la tipizzazione del loro contenuto secondo certi criteri linguistici e la cartografazione successiva dei risultati di questo lavoro analitico su una "carta muta": cf. Karl Jaberg, in: Zeitschrift für romanische Philologie 30 (1906) 512.

 

In genere, le carte mute comprendono la rete dei punti d'inchiesta del rispettivo atlante linguistico nonché ulteriori informazioni di stampo topografico e politico. È consigliabile metterne a disposizione dei geolinguisti un gran numero di copie.

 

Per l'ALD-I, quattro sono i campioni disponibili: con e senza la poligonizzazione della rete, con le testate "ALD" e "ALD-I".